Home » Amarcord

Le nobili decadute 2 : Malines

27 maggio 2011 2.466 views Nessun Commento

Chi si ricorda del Malines, squadra belga che nella seconda metà degli anni ottanta visse alcune stagioni di grandi risultati a livello nazionale ed europeo ? Il Koninklijke Voetbalvereniging, questo il vero nome per esteso della società, che dopo aver conquistato la Coppa del Belgio nella stagione 1986/87, partecipò e vinse a sorpresa la Coppa delle Coppe nella stagione successiva.

La vittoria ebbe maggior rilevanza per il fatto che in finale venne battuto il più blasonato Ajax, pieno di giocatori della nazionale orange che di lì a poco avrebbe conquistato gli Europei 1988 in Germania.
Spesso può succedere che un exploit in campo nazionale non abbia seguito in quello internazionale, invece in quegl’ anni la formazione giallorossa divenne una delle più toste compagini continentali.
Com’ è immaginabile nel contesto di queste “meteore”, l’ organico della formazione belga non annoverava veri e propri campioni, ad eccezion fatta del portiere, il grande Michel Preud’ Homme, ma di buoni giocatori che vissero un periodo di grande rendimento e coesione fra loro.
Giusto ricordare il fantasista Eli Ohana, funambolo a cui veniva pronosticato un futuro luminoso anche in formazioni di maggior blasone, ma che successivamente si è perso in squadre e campionati di non eccelso livello. Altri protagonisti che si sono costruiti una buona carriera anche in ambito delle proprie nazionali furono Erwin Koeman, Emmers, Clijsters, Den Boer e successivamente l’ attaccante olandese Johnny Bosman. Il gruppo venne sapientemente amalgamato da Aad de Mos, allenatore olandese che dette seguito ad alcune buone stagioni alla guida dell’ Ajax e dell’ Anderlecht, portando questa formazione provinciale a disputare tre/quattro da protagonista.
Infatti dopo i primi due trofei, venne alzata al cielo la Supercoppa Europea, primeggiando nel doppio scontro con il PSV Eindhoven grazie alla vittoria per 3-0 in casa all’ andata che rese ininfluente la sconfitta per 1-0 al ritorno. Il Malines ormai fra le grandi del Belgio, riuscì a conquistare il campionato nella stagione 88/89 affermando la propria leadership in campo nazionale. Nella stagione successiva, in Coppa dei Campioni, il suo cammino finì solo contro il fortissimo Milan di Sacchi, ai quarti di finale e soltanto ai tempi supplementari al termine di sue sfide tiratissime.
Fu questo l’ ultimo sussulto di grande rilevanza del Malines. Improvviso come il periodo d’ oro fu il declino. Cominciarono guai finanziari della proprietà, la quale non avendo un bacino d’ utenza importante e non attirando investitori, si vide costretta a smantellare la squadra: il risultato fu ovvio, un totale ridimensionamento che portò alla retrocessione in seconda divisione e poi addirittura al fallimento nel 2003. Dopo essere ripartito dalle serie inferiori, il Malines è poi tornato nella Jupiler League belga, mantenendo la propria dimensione di squadra provinciale lontana anni luce da quei favolosi anni che le dettero grande risalto.

Articolo di Stefano Pieralli

Commenti chiusi.