Home » Calciomercato, Featured

Calciomercato : la top 10 degli acquisti di luglio

27 luglio 2011 4.264 views Nessun Commento

(di Alessio Nardo) Tre giorni alla fine di luglio e il primo tempo del calciomercato 2011 va in archivio. In attesa dei colpi più gustosi e intriganti (Tevez all’Inter? Fabregas al Milan? Rossi alla Juve? Pastore alla Roma?), previsti come sempre da metà agosto in poi, procediamo ad un bilancio iniziale della sessione estiva. Spese folli? Poche, sostituite da tante operazioni lungimiranti e promettenti. C’è chi scommette sulla giovane promessa e chi s’affida all’esperto veterano. Premiamo i dieci migliori acquisti fin qui effettuati dalle società di Serie A.

10.MAARTEN STEKELENBURG
Primo capitolo rigorosamente giallorosso. La porta della Roma cercava da un po’ di mesi un affidabile proprietario e sembra averlo trovato: l’operazione con l’Ajax si è ormai chiusa per sei milioni di euro più bonus. Stekelenburg rappresenta il colpo di scena targato Sabatini, dopo la ‘temutissima’ conclusione dell’affare Kameni. Non parliamo di un fuoriclasse né di un novello Jascin, ma è pur sempre il titolare della nazionale olandese, finalista dodici mesi fa ai mondiali in Sudafrica. Se il tifo romanista saprà esser quieto e perdonare qualche ‘umano’ errore del buon Maarten, tutto andrà a gonfie vele. Altrimenti, la Roma è destinata a veder bruciare l’ennesimo estremo difensore dai tempi di Tancredi.

9.ARTURO VIDAL
Il vero colpo della Juventus è stato l’avvicendamento in mezzo al campo: via il deludente Felipe Melo, dentro il guerriero del Cile, alias Arturo Erasmo Vidal Pardo, 24 anni, reduce da una brillantissima stagione con la divisa del Bayer Leverkusen, vice campione in Bundesliga alle spalle del Borussia Dortmund. Centrocampista completo, ottimo partner di Pirlo, estremamente abile nella doppia fase di proposizione e interdizione. Dalla sua, Vidal ha anche un’egregia predisposizione al gol: 15 in 117 gare disputate in Bundesliga dal 2007 al 2011. Proprio il giocatore richiesto da Antonio Conte per far quadrare i conti della mediana bianconera.

8.ERIK LAMELA
Di nuovo Roma, dal forte sapore argentino. Bella scommessa quella targata Walter Sabatini: Erik Manuel Lamela, ‘El Coco’, classe 1992, protagonista (in negativo) della drammatica retrocessione in Serie B del River Plate, prima assoluta della storia dei ‘Los Millonarios’, ma già considerato in patria un potenziale fuoriclasse del futbol mondiale. Trequartista o punta esterna tutta mancina (il destro non lo usa nemmeno per prendere l’autobus), può essere perfetto per il 4-3-3 ideato e pensato da Luis Enrique. I pareri su di lui son discordanti: c’è chi lo considera sopravvalutato e fumoso, chi invece (vedi Sabatini) ne elogia il carisma e prevede per lui un’imminente esplosione alla Pastore. Chi avrà ragione?

7.STEPHAN LICHTSTEINER

Torniamo alla Juve e brindiamo ad uno dei colpi  meno pubblicizzati ma al contempo più importanti. Certo, i 10 milioni spesi per Lichtsteiner (suppergiù la stessa cifra sborsata per Vidal) non sono bruscolini, ma Conte ora può certamente disporre di uno dei migliori esterni destri del nostro campionato. Forse il top, subito alle spalle dell’interista Maicon. Un filino carente in fase difensiva, amalgama una spinta fisica e propulsiva ad una personalità da ‘vero duro’. Assieme al connazionale Ziegler, Stephan rielabora il valore delle fasce juventine, malinconicamente occupate (sino allo scorso anno) da mezze figure o giocatori spremuti.

6.PHILIPPE MEXES

L’unica vera perplessità riguarda il pieno recupero fisico di Philippe, reduce dal grave infortunio rimediato lo scorso 3 aprile durante Roma-Juventus. Lesione del legamento crociato del ginocchio, arrivederci (almeno) a metà settembre. Se dovesse tornare sano e in perfetta forma, il Milan avrebbe ratificato uno dei migliori affari del calciomercato europeo. 29 anni, approdato in rossonero a costo zero, il nazionale transalpino incarna le doti del centrale difensivo modello: forza fisica, piede discreto, grande abilità nell’anticipo e nello stacco aereo. Unico neo? Gli atavici cali di concentrazione. Ma aldilà di questo, in previsione del futuro addio al calcio di Nesta, il Milan ha pescato un sostituto coi controfiocchi.


5.RICARDO ALVAREZ

L’Inter fin qui si è mossa con cautela, senza farsi sentire molto. Ma un colpo importante è arrivato, eccome se è arrivato: Ricardo Gabriel Alvarez, per amici e tifosi ‘Ricky Maravilla’, 23enne jolly offensivo argentino, neocampione nazionale con la maglia del Velez Sarsfield. Pagato 13,7 milioni di euro, in prospettiva può valerne almeno il doppio. Utilissimo e bravo nel fare tutto: l’esterno alto a destra o a sinistra, il trequartista puro, anche l’intermedio di centrocampo. Una manna dal cielo per Gasperini, l’affare estivo della nuova Inter, capace di battere sul filo di lana la concorrenza di Roma e Arsenal.

4.GOKHAN INLER
Una citazione d’onore la merita (di diritto) anche il Napoli di Aurelio De Laurentiis, autentico showman dell’estate calcistica 2011. Squadra rimpolpata, integrata e pronta a ripetere gli ottimi risultati conseguiti nell’ultimo campionato e far bella figura in Champions League. In attesa di un ultimo colpo (magari una prima punta che vada a completare il reparto avanzato), Walter Mazzarri si gode il regalo più bello: Gokhan Inler, 27 anni, pilastro svizzero della mediana. L’uomo di sostanza e qualità che andrà ad innalzare il livello medio del reparto nevralgico. La pedina che mancava.

3.BOJAN KRKIC
A livello strettamente ‘numerico’, la Roma vince il premio ‘top ten’ di luglio, pur non entrando nelle prime due posizioni. Sul gradino più basso del podio celebriamo il sofferto colpo Bojan. Dotato di tecnica e rapidità, efficace sia da punta centrale che defilata, l’ex barcelonista rappresenta il potenziale crak del mercato giallorosso, ancor più di Lamela. L’ultima stagione per lui è stata difficile: pochissime presenze in blaugrana e ruolo di secondo piano nell’Under 21 spagnola campione d’Europa. Ma se Luis Enrique ne dovesse rispolverare entusiasmo e ispirazione, la piazza romana godrebbe di un autentico gioiello. D’altronde, non si vantano 26 gol all’attivo nella Liga a soli 21 anni per puro caso…

2.DIJBRIL CISSE’
Con Klose appena fuori dai primi dieci, il vero ‘colpaccio’ del calciomercato biancoceleste non può che essere Dijbril Cissé, se non altro per questioni puramente anagrafiche. I 30 anni freschi freschi dell’ariete francese rappresentano il principale motivo d’ottimismo per il tifo laziale: altro che giocatore ‘fracico’ (detto alla romana), Dijbril è un goleador di provata efficacia. Ormai superati i terribili infortuni degli scorsi anni (due tibie fratturate nel giro di pochi mesi) e rilanciatosi nel campionato greco (47 reti in 61 partite dal 2009 al 2011!), l’ex bimbo d’oro dell’Auxerre è pronto a far impazzire la Nord, regalando a Reja i goal necessari per un piazzamento Champions. Quei gol che tanto sarebbero serviti nell’ultimo campionato…


1.STEPHEN EL SHAARAWY
In molti non saranno d’accordo, ma questa è una mia personale previsione. Sì signori, il colpo più importante lo ha fatto il Milan, assicurandosi il 19enne ‘fenomeno’ di origini egiziane, proveniente dal vivaio del Genoa. Uno che, tanto per intenderci, ha la stessa età di Lamela e per poco non ha portato (quasi da solo…) il Padova in Serie A a suon di prestazioni scintillanti. 25 presenze e 7 gol nell’ultimo campionato di B, personalità e qualità di primissimo spessore, abilità innata nel giostrare lungo l’intero fronte offensivo. In cadetteria ha fatto la differenza, in A avrà bisogno di crescere. Ma in prospettiva, parliamo di un big assoluto. Il mister X che il Milan cerca forse lo ha già portato a casa.

Commenti chiusi.