Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale

Le pagelle di Roma-Milan: Ibra sovrano, grandi parate di Abbiati. Impresentabile Cassetti

29 ottobre 2011 1.268 views Nessun Commento

(di Alessio Nardo) Stese la Roma all’Olimpico con la maglia della Juve nel novembre 2005, replicò da nerazzurro nell’ottobre 2008. Gli mancava solo il Milan e il ciclo, di tre anni in tre anni, viene rispettato. Zlatan Ibrahimovic torna Re dell’arena capitolina, con una doppietta che stende la squadra di Luis Enrique. Il migliore in campo. Tra i rossoneri spiccano anche le prestazioni di Abbiati (due grandissime parate) e Nesta. Non brillantissimi Zambrotta, Van Bommel e Robinho. Nella Roma disastro Cassetti: lo stagionato terzino non ne azzecca una. Gli unici a salvarsi sono i goleador Burdisso e Bojan ed il terzino spagnolo José Angel, tra le poche note liete dell’attuale momento giallorosso.

PAGELLE ROMA

MAARTEN STEKELENBURG 5,5
Ogni tiro che incassa è un gol. Forse non ha colpe specifiche, ma difficilmente salva la baracca.

MARCO CASSETTI 4,5
Parte forte, sembra motivato e va al tiro dopo una manciata di minuti. Poi cade nelle solite, classiche, immancabili disattenzioni. Non marca Nesta sul 2-1 e si fa “prendere in giro” da Ibrahimovic che gironzola dalle sue parti facendo il bello e il cattivo tempo. Impresentabile.

NICOLAS BURDISSO 6,5
E’ uno dei pochi “lucidi” là dietro e segna un bel gol di testa.

JUAN 5,5
Non è un fulmine di guerra, tenta di cavarsela con l’esperienza. Ibra lo sovrasta in occasione dell’1-0 (dal 70′ GABRIEL HEINZE 6 – Rispetto a Juan è più reattivo).

JOSE’ ANGEL 6
Il ragazzotto spagnolo è una delle poche note “liete” del periodo romanista. Spinge tanto, ergendosi a costante punto di riferimento della manovra offensiva. Ha l’obbligo di migliorare in difesa e soprattutto deve imparare a trovare la soluzione giusta una volta giunto nei pressi dell’area avversaria.

FERNANDO GAGO 5,5
Primo tempo inguardabile, ripresa in leggera crescita. Esce nel suo miglior momento (dal 63′ ERIK LAMELA 6 – Un paio di giocate interessanti e tanta volontà nell’azione che porta al gol di Bojan).

DANIELE DE ROSSI 5
Gioca schiacciato, come al solito. Eppure la sua presenza in fase difensiva non si avverte. Daniele dove sei?

DAVID PIZARRO 5,5
Si danna l’anima, gioca tanti palloni. Insomma, c’è. Allegri gli piazza una marcatura ferrea e il cileno fatica a dispensare giocate intelligenti. Ma l’impegno e la presenza non si discutono.

MIRALEM PJANIC 5,5
Sbaglia molti appoggi, non è lucido palla al piede. Calcia due buone punizioni, sulla seconda Abbiati è strepitoso.

PABLO DANIEL OSVALDO 5,5
Non è facile muoversi nei pressi di Nesta e Thiago Silva. L’italoargentino è poco assistito, ma potrebbe fare di più.

FABIO BORINI 5,5
Gioca 39′ senza lasciare il segno. Pressa molto senza toccar palla (dal 39′ BOJAN KRKIC 6 – Fa un po’ di movimento in attacco, evitando di rubare l’occhio. Nel finale realizza il gol della vana speranza).

ALL. LUIS ENRIQUE 5
La sua Roma è quel che è, ad oggi. Tanto fumo, poco arrosto. Un lavoro offensivo elaboratissimo che produce la miseria di tre o quattro tiri in porta in 90′ e un atteggiamento difensivo ai limiti del “tafazziano”. Qualcosa di buono s’intravede, per certi versi il periodo attuale ricorda i primi mesi di gestione Spalletti. Affidarsi alle preghiere per il futuro non serve, bisogna far qualcosa subito. La Roma deve esser più semplice e logica. E deve togliersi di dosso l’essenza di “squadra femmina”, immancabile e malinconica eredità del passato.

PAGELLE MILAN

CHRISTIAN ABBIATI 7
Nella miglior tradizione romanista, il portiere del Milan interrompe il periodo nero proprio contro i giallorossi. Almeno due parate fenomenali su Pjanic e Osvaldo.

IGNAZIO ABATE 6
La presenza di José Angel gli consiglia di badare all’aspetto difensivo. Prestazione d’arcigno lottatore.

ALESSANDRO NESTA 7
Elegante ed essenziale. Segna di testa il fondamentale gol del 2-1 (grazie Cassetti…) e nella ripresa salva un’azione pericolosa della Roma.

THIAGO SILVA 6
Non gioca una partita appariscente, ma fa il suo.

GIANLUCA ZAMBROTTA 5,5
Si perde Burdisso sul pari. Se avesse avuto un dirimpettaio di qualità, il Milan avrebbe sofferto. Ma per fortuna c’era Cassetti.

ALBERTO AQUILANI 6,5
Scodella sulla testa di Ibra due assist al bacio. Ottima partita da ex.

MARK VAN BOMMEL 5,5
Ruvido e scontroso come sempre. Ringrazia Damato che gli perdona due falli da giallo, ammonendolo solo alla terza occasione.

ANTONIO NOCERINO 6
Discreta densità in mezzo al campo. Fallisce un gol fatto nel finale (dall’88′ MASSIMO AMBROSINI S.V.).

KEVIN PRINCE BOATENG 6
Non incanta, ma la sua fisicità mette in difficoltà qualsiasi avversario. Soprattutto la Roma “leggerina” di questi tempi (dal 66′ URBY EMANUELSON 6 – Tiene palla in qualche ripartenza).

ROBINHO 5,5
Partita senza infamia né lode. Ora come ora Cassano sta meglio di lui (dal 74′ ANTONIO CASSANO S.V.).

ZLATAN IBRAHIMOVIC 8
E’ il Re della partita. Da solo travolge e devasta la difesa romanista, realizzando due straordinari gol di testa. Implacabile.

ALL. MASSIMILIANO ALLEGRI 6,5
Colpisce la Roma sulle sue debolezze e vince con merito, ringraziando anche la ritrovata vena di Abbiati. Viene espulso da Damato per continue proteste. Sembra un “pretino” davanti ai microfoni, in realtà è un bel rompiscatole. Con rispetto parlando.

Commenti chiusi.