Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale

Serie B : Atzori a Brescia con quale Samp ?

6 novembre 2011 1.008 views Nessun Commento

(A cura di Luca Onorato) Suona strano parlare di calcio proprio in queste ore tragiche dove l’intera cittadinanza genovese, anzi ligure, deve far fronte ad una vera e propria catastrofe meteorologica, con una città ridotta ad una risaia, con 7 vittime (e il numero potrebbe salire…) da piangere, con le solite polemiche e i soliti discorsi che animeranno i teatrini della tv trash con i presunti “esperti” a sputare sentenze.
Anzi, talvolta proprio lo sport, rinfrancando gli animi di coloro che si stanno rimboccando le maniche, rappresenta in quelle 2 orette scarse una piccola oasi, dove pensieri e e le ovvie fatiche possono trovare un pizzico di meritato ristoro.
Tornando a parlare di calcio, si sta chiudendo per la Samp una settimana di passione, inaugurata col tracollo di Nocera Inferiore e le voci di un possibile allontanamento di Atzori, seppur difeso a spada tratta da Sensibile e dai senatori dello spogliatoio. Ma l’ambiente sulla sponda blucerchiata è in questi giorni parecchio incandescente, facendo rievocare episodi del passato recente che di certo rappresentano un segnale preoccupante (vedi il ferimento di Rispoli e l’aggressione alla squadra al ritorno dal match con la Nocerina…).
Anche le parole dello stesso Sensibile in settimana sembrano quasi un ‘ammissione di colpa per l’operato di una dirigenza che aveva l’obbligo di allestire una squadra in grado di dettare i ritmi in questo torneo cadetto. Evidentemente sono stati commessi degli errori, stando a quanto detto dall’ex ds del Novara, sottintendendo la scelta di far guidare una Formula 1 ad un tecnico che fin qui non ha mai convinto. Il brodino contro il Crotone ha permesso allo stesso Atzori di salvare momentaneamente il posto, proponendo una Samp diversa, più fresca grazie agli inserimenti di elementi fin qui rimasti ai margini come Soriano (ottimo, nel suo vero ruolo), Foti e il sostenutissimo Fornaroli. per non parlare di Obiang, lasciato inspiegabilmente in panca nelle ultime apparizioni ma riproposto a furor di popolo martedì scorso. Resta da vedere quale sarà l’assetto che presenterà al “Rigamonti”, contro un Brescia in crisi e affamato di punti pesanti per poter riagganciare il treno promozione dopo le ultime sconfitte. Lo stesso Scienza, dai rumors locali, appare in bilico, e quindi la sfida di lunedì sera avrà quel pepe in più, con i due tecnici a caccia di conferme e credibilità in tempi brevissimi.
Fermo restando che almeno uno fra Pozzi o Piovaccari giocherà contro le rondinelle, ci sono dubbi in merito alle condizioni di Bentivoglio e Foggia, bloccatisi nell’ultima seduta di venerdì e questo potrebbe rappresentare un bel problema per Atzori.
Ma al di là delle elucubrazioni tattiche che si possono fare alla vigilia, quello che più interessa è l’atteggiamento che i blucerchiati dovranno avere per poter risalire la china, fattore riguardo al quale più volte è stato posto l’accento da Pasquale Sensibile. Come dire: svegliamoci perchè la B è tutt’altro che una passeggiata e chiamarsi Sampdoria non è garanzia di dominio, se non ci si ambienta subito in una realtà sì stretta, ma nella quale bisogna farsi spazio con gli attributi giusti per non venirne soffocati. Il Toro degli ultimi anni insegna…

Commenti chiusi.