Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale, Calciomercato

Ufficiale: Oggi la Sampdoria ha presentato Iachini

15 novembre 2011 1.146 views Nessun Commento

(A cura di Luca Onorato) L’ufficializzazione è arrivata ieri da Corte Lambruschini, ma la notizia era già nell’aria, e c’è chi sostiene (tra cui chi scrive…) che in realtà lo era invece da settimane…
Oggi, a mezzogiorno e mezzo è stato presentato alla stampa il neo allenatore che avrà l’onore e l’onere di guidare la Sampdoria in questo torneo di Serie B, quel Beppe Iachini che nel toto- successore di Atzori godeva di un netto vantaggio rispetto all’altra opzione, rappresentata da Roberto Donadoni (per Delneri era più una questione dettata da motivi romantici che pratici, dato l’ingaggio robusto che percepisce dalle casse juventine…).
Approda a Genova quindi un tecnico già esperto della categoria, con all’attivo ben due promozioni con Chievo e Brescia; fralaltro è curioso che in blucerchiato si presenta la stessa situazione che l’ex allenatore delle “rondinelle” ha trovato proprio a Verona, con una compagine neo retrocessa dopo aver iniziato la stagione con i preliminari di Champions League, e alla fine è arrivata la promozione, vincendo peraltro il campionato. Gli auspici quindi, parlando col linguaggio della scaramanzia, sono ottimi…
La natura del contratto prevede la scadenza a fine stagione con opzione per il secondo anno in caso di approdo nella massima serie. Le caratteristiche di Iachini sono note a tutti gli addetti ai lavori, in primis il carattere sanguigno e la forte personalità che riesce a imprimere al gruppo, fattore primario (oltre a quello economico…) che ha portato il ds Sensibile a optare per questa scelta. Una scelta orientata a far sì che tutta la squadra si sblocchi soprattutto caratterialmente, e non soltanto sul piano del gioco, quindi era necessaria una sterzata ben decisa, su questo non c’è dubbio. L’unico neo riguarda una piazza di dimensioni ben più ampie rispetto alla tranquilla provincia a cui Iachini è abituato, quindi è necessario un adattamento immediato ad una realtà oggettivamente di ben altro spessore. L’ambiente è elettrico e quindi occorre dare subito un segnale forte, a partire dalla prossima trasferta di Bari. Al fine di non sentire più quei “mugugni”, peraltro legittimi, denunciati da Sensibile dopo la débacle col Vicenza.

Commenti chiusi.