Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale

Le pagelle di Milan-Barcellona: Messi e Xavi, calcio sublime. Ibra dura solo un tempo

23 novembre 2011 1.690 views Un Commento

(di Alessio Nardo) Il solito grande Barça. Squadra dalla qualità offensiva illimitata. Messi fa faville, come sempre, coadiuvato dal professor Xavi Hernandez. Discrete le prestazioni degli “altri”, a partire da Fabregas e Thiago Alcantara. Male soprattutto Villa, divoratore di tre nitide chance. Nel Milan, super Boateng. Gol da favola ed un’immensa carica agonistica. Robinho e Pato si alternano senza lasciar traccia, il grande ex Ibrahimovic disputa un gran primo tempo per poi sparire. Guardiola batte Allegri: giusto così. I blaugrana, ora come ora, restano di un altro pianeta.

PAGELLE MILAN

CHRISTIAN ABBIATI 6,5
Incassa tre gol ma salva il Milan in almeno altre tre circostanze.

IGNAZIO ABATE 5,5
Sa che non può permettersi di spingere granché. In fase difensiva soffre la presenza di Villa.

ALESSANDRO NESTA 5,5
Alterna buon interventi a qualche errorino, patisce sul piano della rapidità. Steso da guai muscolari (dal 66′ DANIELE BONERA 6 – Non se la cava malaccio, va anche vicino al 3-3).

THIAGO SILVA 6
Anche un campione ome lui va in difficoltà contro certi avversari. Si salva con l’orgoglio.

GIANLUCA ZAMBROTTA 6
Allegri lo promuove per le sue abilità difensive e l’ex blaugrana lotta con ardore. Dal suo versante non nascono molti pericoli.

ALBERTO AQUILANI 5,5
Si sacrifica in copertura, senza dare sfoggio delle sue qualità.

MARK VAN BOMMEL 5
Sempre troppo lento, fatica ad imporre la sua presenza fisica a centrocampo. In più, è autore dell’autorete dell’1-0 (dal 72′ ANTONIO NOCERINO S.V.).

CLARENCE SEEDORF 6
E’ sempre nel vivo delle azioni offensive. Da vero leader non si nasconde.

KEVIN PRINCE BOATENG 7
Ha una carica esplosiva che fa invidia. Quando tocca palla, San Siro s’infiamma. Da applausi il gol, bello quanto inutile.

ROBINHO 5
Tante iniziative confuse ed il consueto, immancabile, gol sbagliato a porta sguarnita (dal 46′ PATO 5 – Un fantasma).

ZLATAN IBRAHIMOVIC 6
Regia offensiva di assoluto spessore nei primi 45′, con tanto di prezioso gol dell’1-1. Spettatore non pagante nella ripresa.

ALL. MASSIMILIANO ALLEGRI 6
Ha fatto il possibile per contrapporsi all’armata guardioliana, e nell’arco di 180′ è riuscito a mantenere il confronto sui binari dell’equilibrio. Nel complesso meglio il Barça, primo nel girone. C’è poco da fare: son più forti.

PAGELLE BARCELLONA

VICTOR VALDES 6
E’ uno dei portieri più fortunati al mondo, perché può ammirare in totale serenità il calcio poetico sviluppato dai suoi compagni. Di tanto in tanto prende gol. Senza colpe, nella fattispecie.

CARLES PUYOL 6
Non sembra trovarsi molto a suo agio sul binario destro. Lotta con il solito ardore.

SERGI BUSQUETS 6
E’ il classico uomo da sei in pagella. Non incanta e non combina disastri.

JAVIER MASCHERANO 6
Guida la difesa con autorità, optando sempre per la scelta giusta. Da buon mediano si è trasformato in centrale difensivo modello.

ERIC ABIDAL 5,5
Scarsa presenza sul fronte offensivo. Boateng si prende gioco di lui in occasione del 2-2.

SEYDOU KEITA 5,5
Viaggia a ritmi lenti e sbaglia qualche passaggio di troppo. Non una gran serata.

XAVI HERNANDEZ 7
Trotterella con la maestria di un condottiero. Piede dolce, visione di gioco unica. Sa essere ovunque, sia in mediana per impostare il gioco che in area per chiudere l’azione. Suo il terzo centro.

THIAGO ALCANTARA 6
Evita di strafare e disputa una discreta gara sul piano del palleggio (dal 90′ JONATHAN DOS SANTOS S.V.).

CESC FABREGAS 6
Gioca quasi a ridosso delle punte. Parte bene, è ispirato e dialoga molto con Messi. Cala alla distanza (dall’80′ PEDRO RODRIGUEZ S.V.).

LIONEL MESSI 7,5
Se c’è Messi, c’è show. Quando prende palla è incontenibile: progressioni fenomenali e soluzioni sempre interessanti e incisive. Realizza il suo venticinquesimo (!) gol stagionale e offre l’assist per il definitivo 3-2 di Xavi.

DAVID VILLA 5,5
Punzecchia la difesa del Milan partendo dal centrosinistra. Decide di imitare Robinho sotto porta: almeno tre erroracci da matita blu (dal 68′ ALEXIS SANCHEZ 6 – Dà battaglia in campo e dimostra di volersela giocare alla pari con gli illustri compagni di reparto).

ALL. JOSEP GUARDIOLA 7
Come sempre si diverte a intercambiare gli uomini, ammirando il medesimo risultato. Il Barça attuale, secondo molti, non avrebbe la stessa fame e la stessa voglia di vincere degli ultimi anni. Sarà, per ora la pancia piena non attenua lo spettacolo in campo.

Un Commento »

  • Th Hell's Keeper dice:

    Allora non sono d’accordo sui terzini…ero a San Siro e hai scritto l’esatto opposto di ciò che è stato in campo.Villa quasi non ha toccato palla sul fatto che abate non abbia spinto è vero ma in difesa ha sbagliato poco.Invece Zambrotta iniziamo con il dire che il primo gol è nato proprio da una sua incertezza difensiva(vedi era stra in anticipo e si è fatto ciulare la palla)e anche in fase offensiva ha sbagliato tantissime palle…io lo considero kmq il migliore terzino sinsitro che abbiamo per l’esperienza sempre meglio di antonini ma oggi nel primo tempo è stato pessimo nel secondo è migliorato un pochino.
    Poi secondo me Aquilani peggio di Van Bommel andava sostituito…Seedorf merito per il primo gol ma poi pian piano è sparito dal campo da lui mi aspetto d+.Pato 5 come Robinho direi di no…RObinho 5 per il gol sbagliato ma si è mosso e ha tentato qualcosa.Pato 45′ due palloni toccati uno in curva uno perso…non propositivo,non partecipava al gioco ed era statico(per uno che fa del movimento e la velocità se sue armi in +)direi che un 4 è già un regalo non siamo qui per valutare il potenziale del giocatore ma quanto lo sappia usare ultimamente e quanto lo abbia usato in questa partita.
    Per quanto riguarda il Barcellona darei un 10 a Messi se riguardate la partita vedrete quanto la sua presenza possa aver inciso sulla partita senza di lui il Barcellona sarebbe alla pari o inferiore a noi.