Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale, Featured

Amichevole, Italia-Stati Uniti 0-1: Dempsey piega gli azzurri. Campanello d’allarme in vista degli Europei?

29 febbraio 2012 964 views Nessun Commento

(di Alessio Nardo) L’Italia di Cesare Prandelli, dopo lo 0-1 di tre mesi fa con l’Uruguay, perde nuovamente in amichevole, di misura, tra le mura amiche, questa volta con gli Stati Uniti guidati da Jurgen Klinsmann. Gara non brillante a Marassi, accesasi solo nel secondo tempo col gol di Clint Dempsey (55′) e l’assalto finale degli azzurri, mai in grado di dominare il gioco ed esprimere un calcio convincente. A pochi mesi dall’inizio degli europei, scatta un piccolo campanello d’allarme.

Prandelli sperimenta in vista del grande appuntamento di giugno. 4-3-1-2 in avvio con l’ex interista Thiago Motta nell’inedita posizione di trequartista, alle spalle di Giovinco e Matri. In difesa c’è Ogbonna accanto a Barzagli, Maggio e Criscito agiscono da esterni. La regia di Pirlo è supportata dai muscoli di Nocerino e Marchisio. Negli States, Klinsmann si affida all’esperienza di Cherundolo e Bocanegra nel reparto arretrato, ai muscoli di Edu e Bradley in mediana e alla qualità di Dempsey sulla trequarti. Unica punta l’ex Villarreal Jozy Altidore. Subito un paio di guizzi: Maggio sfonda sulla destra e mette in area rasoterra, Thiago Motta va di prima intenzione trovando i riflessi di Howard. Gli Stati Uniti rispondono con una conclusione debole, dal limite, di Shea: palla fuori. Non c’è ritmo, non c’è convinzione, manca la necessaria intesa in campo tra gli azzurri e i nostri avversari difendono con ordine. A fine primo tempo ci provano Criscito e Thiago Motta da fuori (Howard c’è), mentre Dempsey impegna Buffon con un calcio di punizione piuttosto centrale. Il portierone della Juventus respinge coi pugni.

Chiellini e Montolivo vanno in campo in avvio di ripresa (fuori Criscito e Nocerino), gli States ci freddano al decimo minuto. L’azione parte dalla sinistra: bel cross di Johnson, Altidore protegge palla in area e scarica all’indietro per Dempsey, il quale conclude ad incrociare battendo Buffon. L’1-0 americano è un brutto colpo, Prandelli pretende dai suoi una scossa immediata. Si passa subito alle tre punte: entrano Borini, all’esordio ufficiale in azzurro, e Pazzini in luogo di Thiago Motta e Matri. Al 71′ dentro anche De Rossi (per Marchisio) e Abate (per Maggio). L’attaccante della Roma, rivelazione di questa stagione, guadagna applausi e consensi del Ferraris giocando con grande voglia e dedizione e andando più volte al tiro senza fortuna. L’assedio disperato dell’Italia produce un gran destro di Montolivo nel primo dei quattro minuti di recupero: palla fuori di un soffio alla sinistra di Howard. Si perde col minimo scarto, e non è una gran notizia.

Commenti chiusi.