Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale, Featured

Le pagelle di Parma-Milan: Ibra in formissima, Emanuelson tuttofare. In costante affanno Zaccardo

17 marzo 2012 1.077 views Nessun Commento

(di Alessio Nardo) Vince il Milan. Di forza, d’inerzia, d’Ibrahimovic. Lo svedesce continua a vivere un periodo di forma pazzesco e anche al “Tardini” domina la scena. Un gol, altri quattro sfiorati, pericolo costante per la difesa del Parma, mal sorretta da Zaccardo, in estrema difficoltà. Buone le prestazioni di Bonera e Nocerino, El Shaarawy si sacrifica sulla fascia, Emanuelson cresce da trequartista e timbra il secondo gol stagionale, pur fallendone altri due clamorosi. Nel Parma male Jonathan, da rivedere la mira di un Giovinco mai domo. Il più positivo, Biabiany, esce a mezzora dalla fine. Motivo? Stanchezza. Non se ne poteva davvero fare a meno, caro Donadoni?

PAGELLE PARMA

ANTONIO MIRANTE 6,5
Incassa due gol ma si mette in mostra con almeno tre parate importanti su Ibrahimovic.

CRISTIAN ZACCARDO 4,5
Serataccia per l’ex difensore di Palermo e Wolfsburg. Spezza l’inerzia favorevole al Parma con l’ingenuo fallo di mano che causa il penalty rossonero. Rischia un altro rigore su Ibrahimovic (e l’espulsione) alla mezzora: Banti lo grazia.

ALESSANDRO LUCARELLI 5,5
Pronti e via, rifila subito un pestone ad El Shaarawy. Troppo ruvido e un pelino lento nei recuperi.

GABRIEL PALETTA 6
Il migliore della difesa. Tosto e tenace, va a cercar gloria anche in avanti. Per poco non realizza l’1-1 a fine primo tempo col “contributo” di Thiago Silva.

JONATHAN 5
Ha fiato e polmoni, ma non riesce mai a far fuori Antonini nell’uno contro uno. Donadoni avrebbe dovuto toglier lui e spostare Biabiany a destra.

McDONALD MARIGA 6
Una roccia vera nella mediana gialloblù. Il suo forfait è un guaio (dal 26′ GIANLUCA MUSACCI 5,5 – Si fa sentire poco. Suo, comunque, l’unico tiro in porta del Parma nel secondo tempo).

JAIME VALDES 5,5
Schierato playmaker di centrocampo, parte forte con un bel destro a giro sul fondo. Molti errori negli appoggi.

STEFANO MORRONE 5,5
Tanta corsa come suo solito. Sbaglia un clamoroso retropassaggio a fine primo tempo, regalando palla ad Ibra che non sfrutta la ripartenza (dal 73′ STEFANO OKAKA S.V.).

JONATHAN BIABIANY 6,5
Temibilissimo sul versante mancino. Soprattutto ad inizio ripresa è tra i principali pericoli per la difesa milanista. Stanco, è “costretto” ad uscire (dal 63′ FRANCESCO VALIANI 6 - Ha meno qualità di Biabiany, ma una discreta dose energetica da spendere).

SEBASTIAN GIOVINCO 6
Serata storta, la mira non c’è. Ci prova più volte dalla distanza, senza inquadrare il bersaglio. Dimostra comunque personalità e tanta voglia, con continue iniziative sul versante offensivo.

SERGIO FLOCCARI 6
Capisce di non dover restare in area in attesa di palle giocabili. Se le va a cercare fin sulla trequarti e lotta come può. Sfortunato, coglie una traversa al 93′.

ALL. ROBERTO DONADONI 5,5
Buona l’idea Valdes a centrocampo, sbaglia nel togliere Biabiany (non poteva davvero reggere altri dieci/quindici minuti?) e far restare in campo Jonathan. Esce sconfitto contro un Milan più forte, ma resta il rammarico per qualche occasione non sfruttata ed il rigore regalato dal mani di Zaccardo.

PAGELLE MILAN

CHRISTIAN ABBIATI 6,5
Ordinaria amministrazione sino all’84′. Ottima parata sul destro di Musacci, sporcato da una deviazione.

GIANLUCA ZAMBROTTA 6
Tenace e combattivo, soffre ma resiste contro un Biabiany piuttosto ispirato.

DANIELE BONERA 6,5
Si trova bene in tandem con Thiago Silva, e contro la sua ex squadra gioca una partita “pulita”, senza errori. Con qualche intervento in scioltezza.

THIAGO SILVA 6
Attento, non commette erroi. Si prende un solo rischio, a fine primo tempo, deviando sulla traversa di Abbiati un colpo di testa di Paletta.

LUCA ANTONINI 6
Il suo compito è controllare Jonathan. In fin dei conti non è un gran problema, spesso l’ex interista si marca da solo.

ANTONIO NOCERINO 6,5
Corre per due e non si stanca mai. Positivo il suo contributo di sostanza.

MASSIMO AMBROSINI 6
Sostituisce Van Bommel giocando una partita diligente. Copre, controlla, dirige.

SULLEY MUNTARI 6
Non molto appariscente. Corre il giusto, tocca pochi palloni, fa il suo (dal 91′ GENNARO IVAN GATTUSO S.V.).

URBY EMANUELSON 7
Sbaglia due gol clamorosi e ne realizza uno splendido. Si dà molto da fare, giostrando da trequartista e scalando in mediana quando serve. Tuttofare (dall’86′ ALBERTO AQUILANI S.V.).

STEPHAN EL SHAARAWY 6
Sulla carta parte al fianco di Ibra, in realtà si defila spesso, arrivando quasi ad agire da centrocampista di fascia. Non spreca un pallone e si batte con umiltà (dal 77′ MAXI LOPEZ S.V.).

ZLATAN IBRAHIMOVIC 7
Primo tempo strepitoso. Segna il rigore, se ne procurerebbe un altro che Banti non vede, impegna Mirante su punizione e fallisce una ripartenza in contropiede a tu per tu col portiere emiliano, allungandosi il pallone. Ripresa meno effervescente, trova comunque il modo di chiamare in causa Mirante: prima di sinistro in area, poi di nuovo su punizione. Periodo di forma pazzesco.

ALL. MASSIMILIANO ALLEGRI 6,5
Pur con tante assenze, è il solito Milan padrone. Squadra sicura dei propri mezzi, quasi mai in affanno, sempre pronta a far male con le sue pedine offensive, Ibra in particolare. Un passo in più verso il secondo tricolore consecutivo, e anche il Barcellona fa leggermente meno paura.

Commenti chiusi.