Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale, Featured

Serie A, Parma-Milan 0-2: il solito Ibra, poi Emanuelson. Diavolo cinico e spietato

17 marzo 2012 1.320 views Nessun Commento

(di Alessio Nardo) Il Milan non si ferma più. Al “Tardini” i rossoneri di Massimiliano Allegri ottengono la terza vittoria consecutiva in campionato (settimo risultato utile di fila) e consolidano il primato in classifica, davanti alla Juventus. 2-0, Parma impotente: a segno Ibrahimovic su calcio di rigore e l’olandese Emanuelson, al secondo centro stagionale. Due traverse colpite dagli emiliani, volitivi e sfortunati.

L’emergenza non spaventa Allegri, spazio al 4-3-2-1 con Zambrotta e Antonini terzini, Bonera al fianco di Thiago Silva al centro della difesa, Ambrosini perno centrale della mediana (ai lati Nocerino e Muntari) ed Emanuelson a supporto del tandem El Shaarawy-Ibrahimovic. Nel Parma, Donadoni s’affida al 3-5-2 con Jaime Valdes regista di centrocampo. In avanti, Giovinco coadiuva Floccari. Sono i padroni di casa a partire in quarta: all’11′ Abbiati sbaglia un rinvio, Giovinco s’impossessa della sfera ed entra in area. Il destro della formica atomica è alto sopra la traversa. Un minuto dopo ci prova Valdes dal limite: gran parabola a giro, palla di un soffio sul fondo. Il Milan sembra in difficoltà ma basta un episodio a stravolgere il corso del match: al 16′ sponda aerea di Ibra per Emanuelson, botta dell’olandese e deviazione di Zaccardo col braccio largo in piena area. E’ rigore (più ammonizione dell’ex Wolfsburg): dagli undici metri Zlatan spiazza Mirante, 0-1. Al 20′ rossoneri ad un passo dal raddoppio: punizione dal limite di Ibra, splendida respinta di Mirante ed Emanuelson, da due passi, fallisce il tap in calciando alle stelle. Donadoni perde Mariga (dentro Musacci) e soffre: al 33′ altra azione supersonica di Ibra, atterrato da Zaccardo a due passi da Mirante. Sarebbe penalty più secondo giallo per il difensore, ma Banti sorvola. Emozioni nel finale: al 42′ Paletta incorna di testa, Thiago Silva nel tentativo di deviare il pallone colpisce la traversa. Brividi per Abbiati. Sul capovolgimento di fronte, errato retropassaggio di Morrone: Ibra ha la strada spianata verso il raddoppio ma si allunga la sfera. Rimpallo con Mirante, palla al lato. L’ultima azione di un primo tempo intenso è di El Shaarawy, che entra in area da sinistra e conclude sul palo esterno.

Il Parma parte forte ad inizio ripresa, Giovinco e Biabiany appaiono i più ispirati. Ma è del Milan la prima occasione, indovinate con chi? Zlatan Ibrahimovic al 52′ riceve palla in area, in posizione defilata, controlla divinamente e col mancino spara in porta: Mirante replica di piede. I ducali pagano un pizzico di sfortuna: al 55′ Bonera ferma Giovinco all’ingresso dell’area, sulla ripartenza in contropiede Emanuelson beffa tutti in velocità, salta Mirante e deposita in rete per il 2-0. Esplode il settore occupato dai tifosi rossoneri, Emanuelson al 60′ sfiora la doppietta in fotocopia, dribblando il portiere del Parma e calciando sul fondo. Al 68′ è di nuovo il turno di Ibra: missile terrificante su punizione, Mirante risponde distendendosi in tuffo. Donadoni si gioca le carte Valiani e Okaka (fuori Biabiany e Morrone), Allegri fa riposare El Shaarawy ed Emanuelson (al loro posto Maxi Lopez e Aquilani). Abbiati si sporca finalmente i guanti all’84′: destro di Musacci dalla distanza e gran respinta del guardiano milanista. Ovazione per il rientro in campo di Gattuso al 90′ dopo oltre sei mesi d’assenza (out Muntari). In pieno recupero Floccari, su azione di mischia, ci prova di sinistro, la sfera si stampa sulla traversa.

Commenti chiusi.