Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale, Featured

Le pagelle di Barcellona-Milan: Messi inarrestabile, Ibra bocciato all’ennesimo esame europeo

3 aprile 2012 1.199 views Nessun Commento

(di Alessio Nardo) Ci pensa Messi. Sempre e solo Messi. Stavolta con l’aiuto dell’arbitro Kuipers, che gli concede una seconda chance dal dischetto. Leo è perfetto dagli undici metri e incenerisce due volte Abbiati. Nella ripresa è ancora spettacolo: scatti, progressioni, strappi, giocate illuminanti. La Pulce è implacabile, non c’è storia. Tra i blaugrana bene anche Dani Alves, prezioso Iniesta per il gol. Meno brillante del solito Piqué. Sul banco degli imputati in casa Milan, ovviamente, Philippe Mexés, autore dell’errore che porta al primo penalty. Seedorf è statico, Robinho non incide, Ibrahimovic (aldilà dell’assist a Nocerino) fallisce l’ennesimo esame europeo.

PAGELLE BARCELLONA

VICTOR VALDES 6
Incolpevole sul gol di Nocerino. Stoppa in uscita Robinho a gioco fermo.

DANI ALVES 7
Un turbo continuo sul binario destro. Collabora in zona difensiva e attacca con pericolosità.

JAVIER MASCHERANO 6
Piuttosto lucido, interviene quando serve. Senza incertezze.

GERARD PIQUE’ 5,5
Soffre parecchio nel primo tempo, non gioca la sua miglior partita. Esce nella ripresa per problemi fisici (dal 75′ ADRIANO CORREIA S.V.).

CARLES PUYOL 6
Cambia tre ruoli nella stessa partita: inizia da centrale sinistro nella difesa a tre, poi passa a terzino, infine torna centrale nel reparto a quattro con l’uscità di Piqué. Solito mestiere.

XAVI HERNANDEZ 6
Sgambetta con qualità e non spreca un pallone. Impegna Abbiati da fuori, esce dieci minuti dopo il gol di Iniesta (dal 63′ THIAGO ALCANTARA 5,5 – Sciupa banalmente la ghiotta chance del poker).

SERGI BUSQUETS 6
Interdizione pura e tocchi logici in favore dei compagni. Guadagna il dubbio rigore del 2-1.

ANDRES INIESTA 6,5
Conferma di vivere un periodo di scarsa ispirazione. E’ però freddo nello sfruttare l’unica pallagol della sua partita: destro sul secondo palo e Abbiati battuto al 54′. Rete decisiva.

CESC FABREGAS 6
Fa un po’ il trequartista, un po’ la seconda punta, un po’ il mediano aggiunto. Partecipa alle azioni d’attacco, senza incantare (dal 77′ SEYDOU KEITA S.V.).

LIONEL MESSI 7,5
E’ semplicemente inarrestabile. I milanisti ci provano, a volte lo fermano, ma Leo non si scoraggia e continua a dar spettacolo. Guadagna e segna il primo rigore, fa il bis dal dischetto (con eccezionale freddezza) a fine primo tempo ed è sua la progressione che porta al gol di Iniesta. Show infinito.

ISAAC CUENCA 6
Schierato titolare da Guardiola, s’impegna e gioca una buona gara. Parte largo a sinistra, si sposta a destra nel proseguo. Non ha paura e aiuta i compagni.

ALL. JOSEP GUARDIOLA 6,5
Abbiamo visto versioni migliori del Barcellona, ma se il risultato recita 3-1 anche nelle serate più “blande”, allora significa che questi signori vestiti di blaugrana sono davvero i migliori al mondo. Il Milan ha avuto orgoglio, l’arbitro Kuipers ci ha messo del suo (ma va ricordato il rigore non dato su Sanchez a San Siro…), il resto lo hanno fatto i singoli, Messi in primis. Si vola in semifinale contro Benfica o Chelsea.

PAGELLE MILAN

CHRISTIAN ABBIATI 6
Messi lo beffa due volte dal dischetto. Respinge un bel tiro di Xavi da fuori, non può far nulla sul destro vincente di Iniesta.

IGNAZIO ABATE 6
Se la cava bene, con la sua proverbiale grinta. Dimostra di non aver paura in un tempio storico del calcio mondiale. Ad oggi è nettamente il miglior terzino destro italiano.

PHILIPPE MEXES 5
Rischia d’impiccare la partita al Milan con l’erroraccio che porta al rigore dell’1-0. Meglio nel proseguo, ma è sempre un pelino incerto nei disimpegni e nervoso.

ALESSANDRO NESTA 6
Meglio del collega Mexés, soprattutto in fase di chiusura. Commette il presunto fallo da rigore su Busquets, nella ripresa sbaglia svariati rilanci.

LUCA ANTONINI 5,5
Paga la sua irruenza col fallo ingenuo e inopportuno su Messi, che causa il primo rigore. Si fa vedere poco in avanti.

ANTONIO NOCERINO 6,5
Affronta bene la partita. Corre, rincorre, realizza l’illusorio gol dell’1-1.

MASSIMO AMBROSINI 6
Ci mette cuore ed esuberanza atletica, con un pizzico di nervosismo. Qualche polemica eccessiva con gli avversari.

CLARENCE SEEDORF 5,5
Viaggia a ritmi lenti. Allegri aveva bisogno di ritmo, sostanza e rapidità, Clarence in tal senso ha deluso. Ma forse non era lui l’uomo giusto per questo tipo di serata (dal 61′ ALBERTO AQUILANI 5,5 – Non entra nel vivo del match).

KEVIN PRINCE BOATENG 6
Svaria lungo l’intero fronte d’attacco. Lotta con furore, non trovando la giocata vincente. Esce nel secondo tempo (dal 69′ ALEXANDRE PATO S.V. – Sfortunatissimo. Entra e si fa male ancora. Dall’83′ MAXI LOPEZ S.V.).

ZLATAN IBRAHIMOVIC 5,5
L’unica cosa bella della sua partita è l’assist-gol a Nocerino. Piuttosto anonimo nel segmento restante di match. In Europa non ne vuol sapere d’incidere nei momenti chiave.

ROBINHO 5
Allegri gli conferma la fiducia dopo il disastro dell’andata. Sciupa un altro gol facile (stavolta a gioco fermo) e non crea grossi pericoli alla difesa blaugrana.

ALL. MASSIMILIANO ALLEGRI 5,5
L’impresa era possibile, contro un Barcellona in versione quasi umana (eccezion fatta per Messi, ovviamente). E’ mancata la necessaria cattiveria dal 2-1 in poi. Uscire contro i mostri del Camp Nou ci può stare, ma i rimpianti sono tanti. Ora testa al campionato, l’unico obiettivo stagionale rimasto a disposizione del Diavolo.

Commenti chiusi.