Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale, Featured

Le pagelle di Chelsea-Barcellona: Cech le para tutte, Drogba spietato. Steccano Fabregas e Sanchez

18 aprile 2012 1.220 views Nessun Commento

(di Alessio Nardo) Ha vinto il Chelsea, e chi se l’aspettava! Certo, la strada verso la qualificazione è ancora lunga, ma il primo round si tinge di “blue”. Meritatamente? Chissà, il risultato resta un dato di fatto insindacabile. Di Matteo ringrazia la perfetta organizzazione difensiva dei suoi e i miracoli di Cech, migliore in campo. Bene i centrali Cahill e Terry, attenti i terzini Ivanovic e Cole. Grande densità in mediana: i muscoli di Lampard, Meireles e Mikel hanno la meglio sulla classe blaugrana. Perfetto Ramires nell’assist-gol a Drogba, il solito leone decisivo e determinante. Male Mata, anonimo. Nel Barça si esalta, a sprazzi, il solito Messi. Non fenomenale, ma sempre temibile e pungente. Xavi non carbura, Iniesta si ferma ad un buon primo tempo. Deludenti le prestazioni di Fabregas e Sanchez, deficitari in zona gol. Tra sei giorni ci vorrà un cinismo diverso, Guardiola se lo augura.

PAGELLE CHELSEA

PETR CECH 7,5
Stratosferico e decisivo. Compie due ottime parate nel primo tempo su Iniesta e Fabregas e si supera letteralmente nella ripresa, deviando il gran destro di Adriano e il colpo di testa di Puyol all’88′.

BRANISLAV IVANOVIC 6
Tanta sostanza. Si sgancia pochissimo in avanti, come del resto i suoi compagni.

GARY CAHILL 6,5
Non fa rimpiangere David Luiz. Gara di altissimo spessore agonistico e di grande concentrazione.

JOHN TERRY 6,5
Attento e pratico, risolve molte situazioni. “Garante” del reparto arretrato.

ASHLEY COLE 6,5
Splendido duello di fisico e qualità con Dani Alves. Si occupa di contenere, ma di tanto in tanto va a infastidire il brasiliano nella sua metà campo.

FRANK LAMPARD 6,5
Gara oscura, lavoro di sacrificio. Corona la serata rubando palla a Messi (mica uno qualsiasi…) e avviando l’azione dell’1-0.

JOHN OBI MIKEL 6
Fa il suo senza eccellere, con qualche amnesia.

RAUL MEIRELES 6
S’improvvisa randellatore ed offre un aiuto importante alla squadra.

JUAN MATA 5
La nota stonata. Ha qualità per illuminare, ma non le estrae dal cilindro. Resta imbottigliato nell’anonimato, fino alla sostituzione (dal 74′ SALOMON KALOU S.V.).

RAMIRES 6,5
Doppio ruolo di mediano aggiunto e trequartista di sinistra in appoggio a Drogba. Sua la sgroppata con perfetto assist per l’1-0 dell’ivoriano (dall’88′ JOSE’ BOSINGWA S.V.)

DIDIER DROGBA 7
Una furia. Si batte, lotta e s’incazza per quarantacinque minuti, chiedendo maggiore assistenza. La ottiene e segna la rete che decide serata e incontro. Nella ripresa aiuta i compagni in fase difensiva ed è prezioso nelle ripartenze. L’eterno valore aggiunto del Chelsea.

ALL. ROBERTO DI MATTEO 7
A molti non sarà piaciuto il suo catenaccione all’antica, ma era (ed è) l’unico modo possibile per fermare i marziani blaugrana. Il suo successo sta nei dati di fatto: ereditò un Chelsea quasi eliminato dalla Champions agli ottavi, per mano del Napoli. Ha portato i blues ad un passo dalla finale di Monaco di Baviera. Fra sei giorni, l’atto della verità. O dentro o fuori. Sarà durissima.

PAGELLE BARCELLONA

VICTOR VALDES 5,5
Appare sugli schermi una sola volta in novanta minuti. Non appare “perfetta” la sua opposizione sul sinistro ravvicinato di Drogba.

DANI ALVES 6
Propositivo e presente, anche se meno lucido del solito in fase di tiro o traversone. Gran confronto diretto con Cole.

CARLES PUYOL 6,5
Il solito leader, là dietro comanda lui. Partecipa al possesso palla salendo a dar manforte ai centrocampisti.

JAVIER MASCHERANO 6
Non riesce a intercettare l’assist di Ramires a Drogba. Per il resto gioca con disinvoltura.

ADRIANO CORREIA 6
Non chiude su Drogba al 47′. Davanti è più pericoloso di Dani Alves. Da segnalare un’ottima iniziativa personale in avvio di ripresa, con destro a giro respinto da Cech.

XAVI HERNANDEZ 5,5
E’ sempre lui l’anima e il fulcro del gioco blaugrana. Piace più nei primi 45′, cala vistosamente alla distanza. Tira malissimo un calcio di punizione (dall’87′ ISAAC CUENCA S.V.).

SERGI BUSQUETS 5,5
Quando c’è da far legna e proteggere i palleggiatori, il suo contributo è positivo. Se il livello s’alza e bisogna “partecipare” attivamente e continuativamente al gioco, vengon fuori i suoi limiti. L’insufficienza è soprattutto per l’errore finale. A porta vuota calcia alle stelle il gustoso pallone dell’1-1.

ANDRES INIESTA 6
Si mette subito in mostra con l’assist a Sanchez (che prende la traversa) ed il tiro respinto da Cech. Meno effervescente col passare dei minuti, stavolta non ammutolisce Stamford Bridge in pieno recupero. Come tre anni fa.

CESC FABREGAS 5,5
Vivace e presente nelle azioni d’attacco, ha il demerito di fallire all’atto del dunque. Spreca un tap in facilissimo su tiro di Iniesta respinto da Cech, e non sfrutta un pallone dorato servitogli da Messi, scucchiaiando (male) a tu per tu col portiere ceco (dal 78′ THIAGO ALCANTARA S.V.).

LIONEL MESSI 6,5
Anche nelle serate meno brillanti trova il modo di dare spettacolo. Serve due assist meravigliosi nel primo tempo (a Iniesta e Fabregas) e quando parte in progressione fa faville. Gli manca l’ultimo acuto. Lo (ri)troverà al Camp Nou?

ALEXIS SANCHEZ 5
Va ad un passo dal gol al 9′, cogliendo la traversa con un superbo pallonetto. Invece di lievitare, la sua prestazione cala di tono. Sbaglia in modo banale una facile occasione nel secondo tempo (dal 66′ PEDRO RODRIGUEZ 6 – Si sistema prima a destra, poi a sinistra. Coglie un palo nel recupero).

ALL. JOSEP GUARDIOLA 6
Il suo Barcellona ha fatto il possibile, ma stavolta era davvero dura oltrepassare la muraglia avversaria. Il passivo dice 0-1, tutto è ancora aperto. Al Camp Nou ci vorrà la miglior versione del Barça. Non, ad esempio, quella vista contro il Milan…

Commenti chiusi.