Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale

Serie A, Lazio-Siena 1-1: Destro spaventa, Ledesma rimedia. Ai biancocelesti non basta il cuore

2 maggio 2012 932 views Nessun Commento

(di Alessio Nardo) La Lazio non riesce più a volare. All’Olimpico, il Siena di Sannino strappa l’1-1 e guadagna la salvezza aritmetica. Gara molto combattuta, gran cuore dei biancocelesti, sfortunati e imprecisi sottoporta. Di Destro il gol del vantaggio senese al 26′, pari di Ledesma su calcio di rigore al 61′. Si complica notevolmente la rincorsa al terzo posto Champions. A Bergamo, tra tre giorni, Reja non avrà a disposizione gli squalificati Biava e Ledesma, oltre agli assenti già noti.

Il tecnico laziale in avvio si affida al 4-3-2-1 con Bizzarri sostituto dello squalificato Marchetti in porta, Scaloni e Garrido esterni difensivi, Biava e Diakité centrali. In mediana spazio al trio Gonzalez-Ledesma-Konko, a supporto di Rocchi agiscono Mauri e Candreva. Nel Siena, Sannino punta sul 3-5-1-1. D’Agostino agisce in posizione di trequartista alle spalle di Destro. Il primo tentativo a rete già al 3′: lancio filtrante di Ledesma per Rocchi, gran sinistro al volo del capitano e palla fuori. Al 13′ la pallagol più clamorosa della partita. Rocchi s’inserisce in area e conclude due volte (prima di piede, poi di testa), Pegolo si oppone alla grande, poi Candreva spara a porta vuota trovando la deviazione provvidenziale di Contini. La Lazio si fa vedere a sprazzi, ma è comunque più convinta e temibile del Siena. Eppure sono proprio i toscani a trovare il gol del vantaggio al 26′. Bella discesa di Rossi sulla sinistra, buon traversone in mezzo e stacco perfetto di Destro: Bizzarri battuto, 0-1. Reja perde per infortunio un Rocchi ispirato ed inserisce Kozak al 36′. Guai anche per Sannino nel finale di tempo: si fa male Pesoli, entra Rossettini.

La ripresa si apre subito con un’emozione. Clamoroso errore di Belmonte che appoggia in maniera “morbida” all’indietro per Pegolo, si avventa sul pallone Kozak ma calcia sul corpo del portiere senese. Il più ispirato nella Lazio è Candreva, straordinariamente determinato e incisivo. Al 60′ l’ex centrocampista di Juve e Cesena subisce fallo in area da Bolzoni: è rigore. Dagli undici metri è implacabile Ledesma, gol dell’1-1. La Curva Nord s’accende, la pressione laziale aumenta, il Siena (stanco) si ritrae a protezione della propria metà campo. Le occasioni più nitide capitano a Biava (incornata sopra la traversa al 66′) e Mauri (conclusione sbilenca a due passi dalla porta al 70′). Sannino esclude Mannini e Belmonte, mandando in campo Sestu e Del Grosso. Nel finale ancora Lazio: all’80′ buona iniziativa di Mauri e conclusione respinta da Pegolo, all’82′ ottimo stop di Kozak in area e destro che si stampa sull’incrocio dei pali. Non basta l’ingresso di Alfaro nei minuti finali. L’uruguagio ci prova di testa in pieno recupero, ma è un comodo passaggio per Pegolo. Finisce in parità, la Champions della Lazio si allontana.

Commenti chiusi.