Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale

Serie A: Pagelle Roma-Inter

19 marzo 2016 552 views Nessun Commento

Di seguito i voti dell’anticipo di Serie A per la sfida al terzo posto.

- ROMA

Wojciech SZCZESNY: 6 – Incolpevole sul gol di Perišić, per il resto gestisce la sua area di rigore come chiestogli da Spalletti.

Alessandro FLORENZI: 5,5 – Non una delle più belle prestazioni per il ragazzo cresciuto a Trigoria; al gol di Perišić la sua fascia è completamente libera. Da lui, senza dubbio, ci si aspetta di più soprattutto in fase propositiva di gioco.

Antonio RUDIGER: 6 – La sua prepotenza fisica ha sempre la meglio su  Éder, per il resto gestisce il gioco come di dovere.

Kōnstantinos MANOLAS: 6 – Poco infastidito dall’attacco interista, non sbaglia quasi nulla e prende un giallo inutile nel finale.

Lucas DIGNE: 6 – Buona sia la fase difensiva che offensiva, riesce a contenere la rapidità di Biabiany ed in più riparte spesso in sovrapposizione per creare superiorità numerica sulla fascia sinistra. (Dal 81′ Emerson PALMIERI: S.V.)

Seydou KEITA: 5 – Il “cervello” della Roma è spento, tant’è che fatica nella manovra e rallenta il gioco elettrizzante di Spalletti. Prende un giallo dopo aver perso una palla ingenua. Viene sostituito nella ripresa per la prestazione opaca. (Dal 57′ Edin DZEKO: 6 – Entra e da più profondità alla squadra, sbaglia un gol clamoroso, svirgola nell’assist per Nainggolan e mura quello che probabilmente sarebbe stato il gol vittoria di Salah.)

Miralem PJANIC: 5,5 – Insieme a Keita mancano all’appuntamento. Il suo compito è quello di far girare la squadra, ma stasera è molto lento e non rende fluida la manovra. Pecca in una punizione dal limite, il suo piatto forte.

Radja NAINGGOLAN: 7 – Il solito frangiflutti in mezzo al campo, si inserisce in continuazione come chiestogli dal mister e viene premiato dalla svirgolata di Dzeko.

Mohamed SALAH: 6 – Viene arginato da Nagatomo nel primo tempo, tant’è che si sposta svariate volte al centro dell’attacco per sfuggire alle chiusure del difensore giapponese. Avrebbe segnato il gol vittoria, se Dzeko non si fosse trovato al posto sbagliato nel momento sbagliato.

Diego PEROTTI: 5,5 – Il suo tocco di palla è splendido, ma non come la prestazione di stasera. Ci si aspetta di più soprattutto in fase di rifinitura e di interdizione tra le linee.

Stephan EL SHAARAWY: 6,5 – Dinamico come al solito, è in una condizione fisica strepitosa. Handanovič non gli permette di festeggiare un gran gol al volo; nonostante ciò lavora e si sacrifica nelle due fasi. (Dal 92′ Daniele DE ROSSI: S.V.)

- INTER

Samir HANDANOVIC: 7 – Mostra tutte le sue doti su una fucilata al volo di El Shaarawy, in più para un tiro ravvicinato di Salah, nella ripresa, dimostrando di essere uno dei portieri più completi. Incolpevole sul gol di Nainggolan.

Danilo D’AMBROSIO: 5,5 – Prestazione modesta per il ragazzo cresciuto nelle fila della Salernitana; El Shaarawy svaria sulla fascia e si diverte, lui prova ad arginarlo con grandi difficoltà.

João MIRANDA: 6,5 – E’ il capitano e si vede, comanda la difesa e fisicamente sovrasta gli avversari.

Jeison MURILLO: 6 – Gestisce insieme al suo compagno di reparto le avanzate avversarie, ben posizionato in campo.

Yūto NAGATOMO: 7 – Vince la sfida di velocità con il Messi d’Egitto, tant’è che lo costringe a spostarsi al centro dell’attacco nella prima metà di gioco.

Gary MEDEL: 6 – Il pitbull fa il solito lavoro sporco in mezzo al campo, tanta sostanza poca qualità.

Marcelo BROZOVIC: 6,5 – Illumina Perišić, con un gran passaggio, nel primo gol; lotta in mezzo al campo e si valere.

Jonathan BIABIANY: 6 – Grande sfida su quella fascia con Digne, ma purtroppo non risalta la sua prestazione. Buon lavoro in fase di rientro per frenare la spinta insistente del terzino francese della Roma. (Dal 81′ Rey MANAJ: S.V.)

Adem LJAJIC: 5,5 – L’ex della sfida stecca la partita. Si muove tanto ma concretizza poco. (Dal 86′ Felipe MELO: S.V.)

Ivan PERISIC: 7 – Sfrutta la sua velocità e corre su e giù per la fascia, arrivando ad un gran diagonale che lo porta al gol. E’ la quarta rete di fila per lui.

ÉDER: 5 – Non uno dei momenti migliori della sua carriera. Stenta ad entrare nei meccanismi di gioco della squadra di Mancini. Così rischia anche l’Europeo.

Pagelle di Gianluca Tozzi.

Commenti chiusi.