Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale, Featured

La TOP 10 degli esclusi dalla lista dei 50 papabili per il Pallone d’Oro

29 ottobre 2011 5.376 views 7 Commenti

(A cura di Francesco Vitale) Mai come quest’anno si sono verificate così tante esclusioni  di prestigio dalla lista dei cinquanta candidati alla vittoria finale  del Pallone d‘Oro. I nomi che stileremo in questa TOP 10 di Magic Football hanno dell’incredibile e lasciano di stucco anche in virtù di quello che abbiamo potuto vedere sul campo nell’anno solare 2011. Nella lista redatta da France Football lasciano sicuramente perplessità le presenze di Van Persie, Khedira, Van der Vaart e Klose. Quest’ultimo risorto di recente con la maglia della Lazio è indubbiamente un calciatore dalle qualità straordinarie, ma va detto però che prima di risorgere in biancoceleste aveva giocato poco e male nell’ultimo biennio al Bayern Monaco. Per quanto concerene invece il connazionale Khedira, bisogna dire che da quando è approdato al Real Madrid non è mai stato inamovibile nello scacchiere delle “merengues”, ed inoltre non si è mai ripetuto per intenderci sui livelli di Sud Africa 2010. Per ciò che riguarda Van Persie andrebbe aperto un discorso a parte. Finalmente ha imparato anche a segnare con regolarità, ma è vero allo stesso tempo che sia per lui che per l’Arsenal non è mai arrivato congiuntamente un tanto atteso salto di qualità. Al suo posto era magari più ragionevole inserire attaccanti come Radamel Falcao, Ibrahimovic o Cavani, che oltre a fare goal pesanti hanno anche vinto qualcosa in tempi molto recenti. A mio modesto parere, Van der Vaart va infine inserito nella schiera dei talenti mai compiuti fino in fondo. E’ indubbio che da quando è al Tottenham abbiamo potututo ammirare un giocatore ritrovato e dal grande repertorio, ma il fallimento con il Real Madrid e la non titolarità con l’Olanda ci dovrebbero far tanto riflettere. Se c’era un giocatore che avrebbe dovuto rappresentare il Tottenham nella schiera dei 50 candidati al Pallone d’Oro non ci sono dubbi che costui era un signorino gallese di appena 22 anni chiamato Gareth Bale.

10 Alexandre Pato (Milan – Brasile) : Tra gli artefici principi del diciottesimo Scudetto del Milan il brasiliano è senza dubbio tra i migliori centravanti under 23 dell’intero panorama mondiale. Ai suoi livelli (seppur con caratteristiche differenti) nella fascia dei giocatori nati tra la fine degli anni 80 e l’inizio dei 90, possiamo trovare soltanto Balotelli, Götze, Neymar e Thomas Müller, con peraltro solo quest’ultimi due inseriti nella lista dei 50 candidati alla vittoria del Pallone d’Oro. Il “papero” rossonero dopo il già citato tricolore con il Milan (condito da 14 segnature personali) è stato inoltre capace di mandare in tilt la difesa dei marziani del Barcellona nel primo impegno stagionale di Champions League, con la gara terminata poi con il risultato di 2-2. Può sicuramente crescere e migliorare ancora, ma è altresì vero che il fiuto del goal non gli manca, la rapidità d’esecuzione nemmeno, ed infine è oggettivamente uno dei pochi giocatori al mondo fenomenale con entrambi i piedi. Per aspirare alla conquista del Pallone d’Oro manca ancora qualcosa in termini di incisività nell’economia della conquista di qualcosa di importante, ma almeno tra i primi 50 è indubbio che doveva esserci.

9 Carlos Tevez (Manchester City – Argentina) : Nonostante in questo momento sia stato messo ai margini della rosa del Manchester City per le note divergenze con Roberto Mancini, l’ “apache” resta sempre uno da considerare almeno tra i migliori 5 attaccanti al mondo. Al di la di questo, per lui parla la sua storia ricca di goal e di tanti trofei conquistati. Peraltro nella scorsa stagione si è aggiudicato il titolo di capocannoniere della Premier League con ben 21 centri, che hanno contribuito e non poco ad aiutare i citizens a raggiungere la loro prima storica qualificazione in Champions League, a cui va aggiunta anche la vittoria in F.A. Cup. Il fallimento personale suo e dell’Argentina nell’ultima Copa America restano sicuramente un macigno pesante da digerire, ma uno come lui non andava di certo escluso dalla schiera dei 50 migliori del mondo.

8 Radamel Falcao (Porto / Aletico Madrid – Colombia) : Ha segnato tanto e convinto gran parte degli addetti ai lavori nell’anno solare 2011. Vincitore di ben quattro trofei con la maglia del Porto, con la vetrina dell’Europa League che lo ha definitivamente consacrato. Nella seconda manifestazione più importante a livello continentale, il cecchino colombiano è stato l’anima dei “dragoes” guidati da Andrè Villas Boas. Per lui sono arrivate nella competizione la bellezza di 18 reti (record assoluto ndr) in un attacco dove faceva coppia con il brasiliano Hulk, altro gran giocatore che ha contribuito e non poco alla vittoria finale nella già citata Europa League. Falcao in questo scorcio di stagione ha continuato a segnare anche con la maglia dell’Atletico Madrid, mettendo ancora in evidenza le sue doti da rapace di area di rigore e da ottimo colpitore di testa. L’unica nota stonata, può essere la non brillantissima Copa America disputata con la Colombia. Nonostante questo, anche li tutto sommato i goal non sono mancati, con i colombiani che è indubbio che non erano sicuramente la formazione più forte e maggiormente accreditata per la vittoria finale.

7 Ryan Giggs (Manchester Utd – Galles) : In molti potrebbero pensare che io abbia inserito Giggs in questa speciale classifica per un tributo alla sua invidiabile carriera. La risposta ? In parte si ed in parte no. Nel primo caso è giusto che un giocatore che da quasi venti anni si esprime su certi livelli venga premiato e menzionato. Nel secondo caso, c’è invece il Giggs ancora incisivo in casa Manchester Utd al cospetto delle sue trentotto primavere. Per lui il tempo sembra non esserci mai fermato e mentre tanti suoi ex colleghi hanno già intrapreso la carriera da allenatore da qualche anno, lui è sempre li a sfecciare come un motorino sulla fascia sinistra dei Red Devils. E’ stato per ben 12 volte vincitore della Premier League, con l’ultimo successo arrivato nella scorsa stagione, come sempre da protagonista e mai da comprimario. In due sole parole lo definisco straordinario e intramontabile.

6 Edinson Cavani (Napoli – Uruguay) : Arriva al Napoli la scorsa estate per quasi 18 mln di euro tra molte perplessità da parte di addetti ai lavori e tifosi. Ingaggiato inizialmente per sostituire nei cuori e in campo Fabio Quagliarella nel ruolo di esterno d’attacco, ha la fortuna di incontrare sulla sua strada Mazzarri che lo inventa centravanti. La mossa si rivela azzeccatissima e Cavani dal canto suo ripaga con la bellezza di 26 centri (due in meno di Di Natale capocannoniere ndr) che alla fine riportano il Napoli nell’Europa che conta. Edinson oltre a segnare tanto e in tutti modi possibili e immaginabili in estate si leva anche la soddisfazione di conquistare la Copa America con l’Uruguay, anche se in quel caso non riuscirà a rendere al meglio e ad essere incisivo per via di un infortunio accorsogli nella seconda gara del girone elminatorio con il Cile. All’inizio di questa nuova annata si riprende pienamente, segnando un goal pesantissimo nel pareggio in Champions League ai danni del Manchester City , condito da una tripletta da antologia nel 3-1 rifilato in campionato al Milan.

5 Maicon Douglas (Inter – Brasile) : E’ vero che non è più sicuramente quello dei tempi del “triplete” mourinhano”, ma la qualità del suo rendimento resta sempre elevata e di primissimo piano. A mio modesto parere resta tutt’oggi ancora lui il miglior terzino destro del mondo, con buona pace del suo connazionale Dani Alves. Se è ancora lui il titolare nella Nazionale verdeoro un motivo ci dovrà pur essere : fenomenale in fase offensiva, bravissimo in quella difensiva, è inoltre straordinariamente geniale nel dribbling e nei tiri dalla distanza. In poche parole un marziano, che probabilmente deve il suo leggerissimo calo di rendimento al mancato trasferimento al Real Madrid, come ben si sa desiderato da due anni a questa parte. Nel calcio come è ampiamente noto contano e molto anche le motivazioni, in questo senso sarei curioso di vedere prima o poi un Maicon anche in forza ai blancos.

4 Manuel Neuer (Schalke 04 / Bayern Monaco – Germania) : Al momento è l’unico portiere dell’intero globo che può incidere su una partita al pari di un attaccante. La sua non presenza nella lista dei 50 eletti alla vittoria finale del Pallone d’Oro possiamo considerarla a tutti gli effetti scandalosa, visto il suo elevatissimo rendimento annuale e non solo. Nei 50 candidati nel ruolo di portiere è presente soltanto Iker Casillas, anch’egli portiere strepitoso, ma allo stato attuale delle cose inferiore (se così si può dire) all’estremo difensore tedesco. La scorsa stagione le sue parate magistrali hanno permesso allo Schalke 04 di arrivare fino alle semifinali di Champions League, ed anche ora che è passato al Bayern Monaco è stato capace di tenere inviolata la porta bavarese per oltre 1.000 minuti. Fenomanale e anche predestinato, in quanto ad esempio negli ultimi Mondiali il posto da titolare in Nazionale doveva essere di Adler (assente al Mondiale per infortunio ndr), che a questo punto è molto difficile che si riconquisti una maglia da primo attore tra i pali della Germania.

3 Gareth Bale (Tottenham Hotspur – Galles) : Il prototipo vivente del terzino moderno incarnato in un essere umano. Questa è forse la sintesi perfetta per descrivere a pieno chi è Gareth Bale. Gioca in prevalenza come esterno di difesa sull’out di sinistra, ma tutto ciò detto così può essere estremamente riduttivo. Il giovane gallese, è una presenza costante sia in difesa che in attacco, in poche parole possiamo definirlo un giocatore totale. Uno di quei giocatori che in altre epoche sarebbe stato ad hoc in una squadra come il Milan di Arrigo Sacchi o nell’Olanda degli anni 70 guidata da Rinus Michels. Va detto inoltre che Bale è uno che vede anche molto bene la porta, a conferma di ciò ci sono i 7 centri realizzati nella scorsa Premier League e la tripletta all’Inter nella scorsa edizione della Champions League. La domanda è la seguente : come si fa ad eslcudere dai candidati al Pallone d’Oro colui che in questo momento è probabilmente il miglior terzino sinistro nell’intero panorama europeo ?

2 Thiago Silva (Milan – Brasile) : Mi sembra quasi impossibile che uno come lui non sia incluso nella lista redatta da France Football. Forse se avesse giocato nel Barcellona la situazione sarebbe stata differente, ma è anche vero che a ciò non c’è  e non ci sarà mai una controprova. Di sicuro ci sarebbe stato un binomio perfetto tra il miglior difensore del mondo e la squadra di club forse più forte di tutti i tempi. Chi lo sa ? Magari in un futuro non molto lontano il tutto potrebbe tramutarsi anche in realtà, visto che peraltro i dirigenti blaugrana avevano già provato la scorsa estate a contrattualizzare il brasiliano. Campione d’Italia in carica con il Milan ha davanti a se ancora una lunga carriera per dire la sua in questo riconoscimento, magari classificandosi almeno tra i primi 10 nelle edizioni future del Pallone d’Oro.

1 Zlatan Ibrahimovic (Milan – Svezia) : La domanda che mi pongo, non è perchè non stia negli attuali 50 candidati al Pallone d’Oro, ma bensì perchè finora non ne abbia ancora mai vinto uno. Lo stesso discorso vale anche per altri giocatori, su tutti Samuel Eto’o, anche se su Ibra il perchè è da ricercare negli insuccessi a livello di club in Europa. A mio modo di vedere un aspetto secondario, perchè spesso è anche capitato che ci sono stati giocatori che hanno vinto questo riconoscimento anche senza grandi successi europei. L’esempio più calzante è il Rivaldo del Barcellona, giocatore immenso, ma privo di successi in Europa in maglia blaugrana e  decisamente soporifero una volta che ha varcato le porte della Serie A. Ciò che Ibra non è mai stato nel campionato italiano, torneo dove (levando Calciopoli) ha sempre vinto lo Scudetto da protagonista.

7 Commenti »

  • Enri dice:

    Perchè non c’è messi? Quest’anno il pallone d’oro se lo meriterebbe tutto

  • Francesco Vitale (author) dice:

    Non c’è perchè se noti bene questa è una TOP 10 degli esclusi di lusso e non una lista dei potenziali vincitori del premio !!! ;-)

  • Michele Pavese dice:

    Analizzo solo i 4 che per me fanno più scalpore nella tua lista: Bale, Thiago Silva, Falcao e Giggs.
    Alla fine solo Bale si può escludere, perchè non ha avuto un 2011 felicissimo, lui fu devastante soprattutto a fine 2010, poi si infortunò.
    Thiago forse paga la pessima Coppa America del Brasile, ma è stato di gran lunga il miglior difensore dell’anno.
    Falcao magari se fosse passato al Manchester, lo avrebbero inserito(o se ci avesse giocato nella scorsa stagione), ma ha fatto un 2011 pauroso
    E Giggs…io lo metterei sempre uno così(a meno che non abbia pagato per le vicende di gossip).

    Forse pure Cavani meritava l’ingresso nei 50, ma avevano già messo Di Natale per premiare il bomber del campionato italiano…e comunque non sono d’accordo su Tevez tra i primi 5 attaccanti, e su Cavani meglio che non mi esprima, il tempo mi darà ragione! :-)

  • nicola dice:

    Non sono d’accordo in alcuni punti:
    Di natale andava citato tra le sorprese
    Pato non è stato decisivo
    Tevez boh, il city non ha vinto niente con lui, ora vince 6-1 all’od trafford
    Cavani non ha vinto nulla, in copa America ha fatto poco poco
    Maicon è stato una delusione l’anno scorso
    T.silva sono d’accordo ma non al 2 posto.
    Non sò i partecipanti, se mi pubblichi la lista, ti dirò i miei 10

  • Francesco Vitale (author) dice:

    Ciao Nicola, per quanto concerne Di Natale andrebbero analizzate diverse cose. Premetto che lo stimo sia come uomo che come calciatore, ma pur avendo fatto caterve di goal negli ultimi due anni e mezzo, io personalmente non lo vedo del tutto meritevole di stare nei 50 eletti al Pallone d’Oro. Mi spiego meglio, non ha rubato nulla e si è guadagnato tutto con merito, ma converrai con me che ad esempio un Radamel Falcao o anche un Cavani, meritavano di starci di più rispetto a lui. Pato deve iniziare ad essere maggiormente decisivo, ma resta il fatto che è tra i migliori under 23 del mondo ed ha vinto uno Scudetto con il Milan facendo 14 reti. Carlos Tevez la scorsa stagione è stato l’anima e il vero leader del Manchester City e se i citizens stanno andando alla grande anche senza di lui, è in virtù del fatto che pur mancando l’ “apache” in avanti hanno altri tre fenomeni, Aguero, Dzeko e Balotelli. Su Cavani ti ho in parte già risposto e se la metti su questo piano, cosa hanno vinto di così importante anche Khedira, Van der Vaart, Klose e Van Persie ? Se ci mettiamo a discutere anche Maicon stiamo davvero alla frutta, non vedo gente migliore di lui nel suo ruolo nel mondo !!! Su Thiago Silva infine posso anche rispettare la tua opinione inerente al mio personale posizionamento nella graduatoria da me stilata !!!

    Eccoti la Lista competa dei 50 prescelti per l’assegnazione del Pallone d’Oro 2011, come ben saprai in questo momento ridotta a 23.

    Samuel Eto’o (Inter and Anzhi/Cameroon)

    Robin van Persie (Arsenal/Holland)

    Dani Alves (Barcelona/Spain)

    Gerard Pique (Barcelona/Spain)

    Carles Puyol (Barcelona/Spain)

    Eric Abidal (Barcelona/Spain)

    Cesc Fabregas (Arsenal and Barcelona/Spain)

    Xavi (Barcelona/Spain)

    Andres Iniesta (Barcelona/Spain)

    David Villa (Barcelona/Spain)

    Leo Messi (Barcelona/Argentina)

    Alexis Sanchez (Udinese and Barcelona/Chile)

    Bastian Schweinsteiger (Bayern Munich/Germany)

    Philip Lahm (Bayern Munich/Germany)

    Thomas Müller (Bayern Munich/Germany)

    Arjen Robben (Bayern Munich/Holland)

    Franck Ribery (Bayern Munich/France)

    Mario Gomez (Bayern Munich/Germany)

    Wesley Sneijder (Inter/Holland)

    Diego Forlan (Atletico Madrid and Inter/Uruguay)

    Miroslav Klose (Bayern Munich and Lazio/Germany)

    Luis Suarez (Liverpool/Uruguay)

    Javier Hernandez (Manchester United/Mexico)

    Wayne Rooney (Manchester United/England)

    David Silva (Manchester City/Spain)

    Sergio Agüero (Manchester City/Argentina)

    Iker Casillas (Madrid/Spain)

    Sami Khedira (Madrid/Germany)

    Mesut Özil (Madrid/Germany)

    Xabi Alonso (Madrid/Spain)

    Cristiano Ronaldo (Madrid/Portugal)

    Neymar (Santos/Brazil)

    Rafael van der Vaart (Tottenham/Holland)

    Antonio di Natale (Udinese/Italy)

  • Senso..questo articolo non lo ha dice:

    Radamel Falcao preferibile a Van Persie è da censura! Ma chi te l’ha suggerita?

  • Francesco Vitale (author) dice:

    Innanzitutto è gradita un’identificazione della tua persona, visto e considerato che mi piace sapere con chi interagisco !!! ;-) Le opinioni possono essere tante e variegate, io ho espresso la mia personale senza ausilio di suggerimenti, visto che quando scrivo qualcosa lo faccio in base a quello che vedo personalmente e non in base a quello che mi potrebbe solo in teoria essere suggerito. Risponderò comunque alla tua constatazione: non puoi definire un articolo intero insensato solo perchè ho detto che Radamel Falcao avrebbe meritato di esserci più di Van Persie, dal momento che anche tutti gli altri restanti esclusi da me menzionati (pensa che non ci ho messo neanche Hazard e Götze) è stato oggettivamente uno scandalo non vederli nella TOP 50 !!! Entrando nello specifico, Van Persie (che reputo comunque un ottimo giocatore), che cosa ha fatto in più di Radamel Falcao nell’anno solare 2011? Mi pare che Falcao, ha vinto un’ Europa League da protagonista con il Porto, segnato 18 goal (record assoluto) nella competizione, vinto un campionato portoghese, una Coppa del Portogallo, ed inoltre continuato a segnare tanto anche nella Liga con la maglia dell’Atletico Madrid. Van Persie? Non mi sembra che i suoi goal (finalmente tanti dopo anni), abbiano contribuito a far vincere qualcosa all’Arsenal. Se vogliamo dire chi è meglio o chi è peggio, potremmo parlarne per ore, io dico che sono due giocatori completamente diversi, sul piano tecnico Van Persie ha qualcosa in più, ma Falcao a mio modo di vedere è un giocatore più decisivo. Per come la vedo io quando si stila la TOP 50 del Pallone d’Oro, bisognerebbe tener conto anche di quello che hai vinto nello spazio dell’intero anno solare e di quanto sei stato determinante ai fini della vittoria della tua squadra, in questo senso Falcao stravince su Van Persie nel 2011.