Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale

Casa Milan: da Cesena ai “Romagnoli” il passo è breve!

26 febbraio 2012 1.023 views Nessun Commento

(a cura di Damiano Boccalini)
Voglio cominciare questo mio pezzo con una premessa. Questa sera tra Milan e Juventus il pareggio è un risultato assolutamente giusto perchè i bianconeri hanno dimostrato anche stasera di essere una squadra che non molla mai. Detto questo, sono assolutamente indignato (per non dire parole molto meno fini) per come è stata condotta dalla terna arbitrale la partita di stasera.

Il Milan stasera ha disputato 60 minuti di ottima qualità, considerando le assenze (Ibra e Boateng su tutti) e la condizione fisica di alcuni singoli (Pato soprattutto). Un’ora abbondante quasi perfetta per i rossoneri che guidati da un Emanuelson finalmente in palla e da uno scatenato Robinho hanno chiuso meritatamente il primo tempo avanti. La rete del vantaggio, arrivata con la gentile collaborazione dello sciagurato Bonucci è stata siglata dal miglior marcatore del Milan dopo Zlatan Ibrahimovic. L’uomo in questine è Antonio Nocerino, arrivato a Milanello per un paio di noccioline e diventato simbolo e uomo cardine di un Milan operaio. Trovato il vantaggio gli Allegri boys hanno continuato a fare la partita e hanno sfiorato diverse volte il raddoppio sia con Mexes (strepitosa parata di Buffon) sia con Van Bommel (palla fuori di un niente). Anzi, a dirla tutta il raddoppio è arrivato, ma per colpa di qualche problema ottico del guardalinee (tale signor Romagnoli), la rete non è stata assegnata.

Analizziamo il fatto con una sorta di “moviola scritta”. Mexes colpisce di testa in area e trova la grande risposta di Buffon. La palla arriva sulla testa di Muntari, che la spedisce ancora verso la porta dove ancora Buffon con uno scatto felino riesce a respingere. Tra lo stupore generale, l’arbitro Tagliavento e il guardalinee lasciano correre non rendendosi conto però che il colpo di testa di Muntari fosse dentro di almeno mezzo metro. Sul capovolgimento di fronte, il Milan rischia anche la beffa con Estigarribia che chiama Abbiati ad un grandissimo intervento in tuffo. Rivedendo le immagini al replay, si vede come Buffon sia ampiamente oltre la linea al momento della parata, ma si vede soprattutto come il guardalinee Romagnoli sia perfettamente in linea con la porta juventina da poter vedere la palla oltre il palo.

Ad onor di cronaca, e per non sembrare di parte (anche se conoscete tutti la mia fede milanista) la straordinaria terna di stasera (salviamo solamente il signor. Di Liberatore) ha completato l’opera con una rete regolarissima annullata a Matri (tenuto in gioco da Abate) e con un pugno non visto di Mexes a Borriello (il francese verrà squalificato dalla prova tv con almeno tre giornate).

Insomma, tra proteste, polemiche, pugni e gol annullati, siamo destinati ad avere una settimana incredibilmente infuocata tra Milan e Juventus. Quel che è certo è che stasera è stato solo l’inizio di una battaglia che è destinata a durare fino a fine campionato, quando scopriremo chi sarà la squadra che si cucirà sul petto il tricolore.

Commenti chiusi.