Home » Calcio Italiano / Calcio Internazionale, Featured

Le pagelle di Lazio-Fiorentina: Hernanes tuttofare, Klose ci mette lo zampino. Behrami lotta, Jo Jo giù di corda

26 febbraio 2012 1.310 views Un Commento

(di Alessio Nardo) Di certo non la partita più bella della storia del calcio. Ma questo Lazio-Fiorentina rappresenta soprattutto il riscatto di Edy Reja, reduce da una settimana assurda, tra annunci di dimissioni e chiarimenti vari. Buona prova di concentrazione dei biancocelesti, sorretti da un Marchetti ritrovato e da un Hernanes splendido nel duplice ruolo di suggeritore e difensore aggiunto. Klose, come sempre, si dimostra cecchino infallibile. Davvero brutta la Fiorentina, senza furore, senza idee, senza niente. Behrami è l’unico all’altezza, persino Jovetic appare la controfigura di sé stesso. Occhio Delio, la Serie B è distante appena quattro punti…

PAGELLE LAZIO

FEDERICO MARCHETTI 7
Dimentica i cinque gol incassati a Palermo. Splendido l’intervento su incornata di Nastasic ad inizio ripresa.

LIONEL SCALONI 5,5
Svolge un discreto lavoro, calando solo nel finale, quando dalle sue parti arriva Vargas.

MODIBO DIAKITE’ 6
Non esagera con l’esuberanza fisica, badando al sodo.

GIUSEPPE BIAVA 6
Compone un tandem affiatato con Diakité. Soffre di rado.

JAVIER GARRIDO 6
Buona copertura su Romulo nel primo tempo. Va vicino al gol cogliendo la traversa (dal 46′ LUCIANO ZAURI 6 – La Fiorentina attacca prevalentemente dalla sua parte, con l’aggiunta di Cerci. Si fa aiutare da Candreva ed Hernanes e stavolta non combina guai).

ALVARO GONZALEZ 6,5
Tanto cuore e grande impegno nella doppia fase d’interidizione e proposizione.

CRISTIAN LEDESMA 6
Dirige la squadra con diligenza, senza picchi sul piano tecnico. Molto stanco nel finale.

SENAD LULIC 6
Appena ventinove minuti di gioco, giusto il tempo di un paio di sportellate con Behrami. Esce per infortunio (dal 29′ ANTONIO CANDREVA 6 – Disposizione logica della sfera, buona collaborazione difensiva).

HERNANES 7
Sua la magia che porta al gol di Klose, suo soprattutto un secondo tempo di rara dedizione. Fa il difensore aggiunto, aiutando Zauri nella protezione del binario sinistro. Reja lo ringrazia e lo abbraccia a fine partita.

STEFANO MAURI 6
Rientra dal 1′ in campionato e riacquisisce un po’ di confidenza col terreno di gioco. Positivo l’impegno.

MIROSLAV KLOSE 7
Ha una sola palla a disposizione in area e fa gol. Sfiora il raddoppio nella ripresa con una gran girata al volo, prima di far posto a Kozak. I motori, in vista del derby, sono accesi (dal 77′ LIBOR KOZAK S.V.).

ALL. EDY REJA 6,5
Per la prima volta sente la Nord tutta per sé. Ritrova la sua Lazio, almeno sul piano dello spirito, e mette nel mirino un terzo posto che corrisponderebbe ad un trionfo personale. Ora c’è la Roma. Non solo un derby, ma soprattutto la concreta possibilità di sbattere fuori definitivamente i cugini dalla corsa europea.

PAGELLE FIORENTINA

ARTUR BORUC 6
Non riesce ad evitare il gol di Klose. Per il resto, assiste.

LORENZO DE SILVESTRI 5,5
Si dà molto da fare sulla fascia destra. Viene frenato dai suoi stessi limiti tecnici, piuttosto evidenti.

CESARE NATALI 5,5
Sempre incerto e balbettante nei disimpegni. La palla gli scotta tra i piedi. In pieno recupero si sposta a fare il centravanti, ma forse era una scelta da adottare molto prima.

MATIJA NASTASIC 5,5
Protagonista dell’unica pallagol viola, il colpo di testa deviato magistralmente da Marchetti. Dietro non è immune anch’egli da sbavature.

MANUEL PASQUAL 5
Resta imbrigliato in copertura. Scende di rado sul versante mancino, privando i compagni di una soluzione offensiva in più.

VALON BEHRAMI 6
E’ una delle poche garanzie di questa malinconica Fiorentina. Lotta come un leone finché resta in campo, i fischi dei suoi ex tifosi lo caricano (dal 46′ JUAN MANUEL VARGAS S.V.).

RICCARDO MONTOLIVO 5
Presenza nulla in mezzo al campo. Cinguetta qua e là, con rari spunti di qualità. La scadenza del contratto si avvicina, forse la testa inizia già ad andare da qualche altra parte.

ANDREA LAZZARI 4,5
A volte sembra di una categoria inferiore ai colleghi. Tanti, troppi errori elementari. Appoggi, lanci, tiri, tutto sbagliato.

ROMULO 5
Mossa a sorpresa di Rossi. Si piazza a destra, su Garrido, e non lo impensierisce mai (dal 46′ ALESSIO CERCI 5,5 – Più vivo e temibile del brasiliano. Qualche spunto, un gol annullato per fuorigioco e alcuni erroracci).

STEVAN JOVETIC 5
Che sia fuori forma? Fuori fase? Il montenegrino appare un po’ svogliato e giù di morale. Ben braccato dai difensori laziali, non accende mai la luce.

ADEM LJAJIC 5
Un tempo privo di squilli, se non un tiretto da fuori bloccato da Marchetti con tanto di sbadiglio (dal 46′ AMIDU SALIFU 5,5 – Dà più nerbo al centrocampo, ma è lento nello sviluppo delle idee e nei movimenti).

ALL. DELIO ROSSI 5
La situazione inizia a precipitare. Terza sconfitta consecutiva, sei gol incassati e zero realizzati nelle ultime tre uscite con Napoli, Bologna e Lazio. Squadra impalpabile, senza idee né gioco, ora a soli quattro punti di distacco dalla zona retrocessione. O ci si da una bella svegliata (subito), o si rischia di far la fine della Sampdoria 2011.

Un Commento »

  • Stefano P. dice:

    Una partita che ha rappresentato lo stato di forma attuale delle due squadre. Una Lazio che pur imballata conquista i tre punti con il minimo sforzo, una Fiorentina in crisi cronica alla quale non ne va bene una. Sinceramente il match sarebbe stato da 0-0 ma si sà, alle volte basta un lampo per decidere una partita che in questo caso è stata modesta.